Tempo al Tempo, un dialogo tra fisica e filosofia

Il Litorale

8 Ottobre 2021

Tempo al Tempo
Un dialogo tra fisica e filosofia

Un giovane fisico, tre eminenti filosofi per tre serate dedicate ai misteri del tempo, un concetto che imbeve la nostra quotidianità ma tra le cui pieghe rimane nascosto, inspiegato. Gli incontri, dialogici e divulgativi, sono aperti a tutti e si terranno nel Quartiere Maghetti presso  Il Litorale USI, organizzatore dell’iniziativa in collaborazione con l’Istituto di Studi Filosofici di Lugano (ISFI).

Nella lista delle parole inglesi più utilizzate, dopo una lunga sfilza di articoli e preposizioni, pronomi e congiunzioni, al cinquantesimo posto ci appare finalmente il primo sostantivo: “time” (tempo). Mai come nella contemporaneità l’onnipresenza del tempo ha scandito la vita dell’uomo: lo organizziamo, lo investiamo, lo perdiamo, lo paghiamo e ce lo facciamo pagare, lo ammazziamo persino, nella malinconica certezza che alla fine sarà lui a ammazzare noi.

Eppure, su un tema che tanto ossessiona la nostra quotidianità, possiamo davvero dire di saperne più di Sant’Agostino quando scriveva: "Che cosa è, allora, il tempo? Se nessuno me lo chiede, lo so; se dovessi spiegarlo a chi me ne chiede, non lo so".

La risposta è sì, certo che ne sappiamo enormemente di più. Sappiamo che in alta quota il tempo scorre più rapido che in riva al mare, o che si invecchia più lentamente a bordo di un treno a alta velocità, o ancora che il nostro futuro per qualcun altro già esiste. Da Newton fino alle più moderne teorie di gravità quantistica passando per il genio di Einstein e della sua relatività, la concezione fisica del tempo si è evoluta, maturando assieme alle interpretazioni che la grande filosofia ne ha saputo dare.

Questi temi fondamentali che hanno occupato le menti più brillanti dell’ultimo secolo ispirano anche il breve ciclo di 3 incontri Tempo al Tempo che Il Litorale USI organizza in collaborazione con l'Istituto di studi filosofici.

La fertile intesa fra fisica e filosofia verrà riproposta per tre venerdì (29 ottobre, 19 novembre e 3 dicembre) alle ore 18:00 presso Il Litorale nel Quartiere Maghetti quando Cesare Alfieri, il giovane fisico che cura l’iniziativa, dialogherà di volta in volta con filosofi eminenti nel campo. Con Damiano Costa, docente USI, si interrogherà sull’esistenza del tempo e dell’eternità; con Emiliano Boccardi, professore all’Universidade Federa de Bahia (Brasile), sul perché sembra che il tempo scorra inesorabile in un’unica direzione; con Claudio Calosi, professore all’Università di Ginevra, ragionerà infine sui paradossi con cui ci confonde la relatività.

Tutta l’iniziativa si presenta con un taglio aperto e dialogico: i temi saranno raccontati più che spiegati, presentati in maniera divulgativa ma mai inesatta, discussi con i presenti. Chiunque, con o senza conoscenze pregresse di fisica e filosofia potrà parteciparvi attivamente e trarvi spunti. A valle degli incontri, verrà offerto un piccolo aperitivo.

Programma

 

La nascita e la morte ci spingono a interrogarci sul tempo. Cosa sappiamo con certezza su di esso? Forse che passa. Forse che il presente è un limite fra due grandi abissi di nulla: un passato che non è più, un futuro che non è ancora. Ma non sarà che anche queste apparenti certezze si riveleranno
essere mere illusioni?

In dialogo con Damiano Costa, vice direttore dell'ISFI, docente e coordinatore del Master in Philosophy all’USI 

 

Quando getto un sasso, la sua traiettoria corre nel tempo dal momento del lancio a quello dell’atterraggio. Non va mai all’inverso. Perché il tempo ci sembra avere una direzione ben precisa? Cosa distingue il passato dal futuro? Risaliamo la freccia del tempo usando gli strumenti di filosofia
e fisica.

In dialogo con Emiliano Boccardi, professore presso il Dipartimento di Filosofia dell’Universidade Federal da Bahia, Brasile 

 

Molte delle nostre intuizioni sul tempo sono messe in discussione dalla Teoria della relatività di Einstein. Mettiamo a tacere alcuni falsi miti e parliamo di cosa davvero questa teoria implica riguardo alla natura del tempo: dall’idea di presente all’esistenza di passato e futuro.

In dialogo con Claudio Calosi, professore assistente all’Università di Ginevra e docente all’USI 

 

Per motivi organizzativi è gradita l’iscrizione: litorale@usi.ch